Vai al contenuto

Nel vertice di ieri ad Astana, Putin, anche questa volta, è riuscito a stupire il mondo.

L’occidente ultimamente tende a rappresentarlo come continuamente all’angolo, politicamente e fisicamente, ma non è  così.

Infatti, la proposta fatta ad Erdogan, di trasformare la Turchia nel più grande Hub del gas nel Mediterraneo, è veramente geniale perché consentirà:

  • Alla Russia di reindirizzare gli oltre 100 miliardi di metri²/anno di metano non più utilizzabili dalla Germania a seguito della distruzione dei gasdotti Nord Stream 1&2;
  • Alla Turchia, Paese NATO, ma non per questo ostile a Mosca, di ottenere metano a basissimo costo per le proprie industrie e per le proprie abitazioni;
  • Alla Gazprom di incassare favolosi utili;
  • Ad Istanbul di poter rivendere ai Paesi UE, al prezzo che riterrà più opportuno, tutto il gas che vuole, saltando così, a piè pari, le sanzioni.

Non a caso la regione scelta per questo stoccaggio è la Tracia, cioè, la propaggine balcanica e quindi europea, della Turchia.

Qui il gas, nonostante debba attraversare  il Mar Nero per circa 800km, impiegherà veramente pochissimo tempo ad arrivare, dalla città russa di Anapa.

Infatti la linea è già esistente, è la famosa TurkStream, il gasdotto che, a partire dal 2014, prese il posto del “South Stream” allorquando, gli Stati Uniti, fecero, tanto per cambiare, delle enormi pressioni sul Governo Bulgaro affinché si ritirasse dal progetto … e così fu.

Oggi, però, questo tracciato taglia fuori tutti questi interlocutori deboli, lasciando sul campo solo la Turchia, Paese fondamentale per Washington, specie in chiave di contenimento sia dell’Iran che della Russia, nonché tassello fondamentale nei delicati equilibri in Medio Oriente tra Israele, Siria ed Arabia Saudita.

Ergo, per la Casa Bianca, irritare Ankara sarebbe un gravissimo errore e ciò che viene concesso oggi ad Erdogan è, né più e nemmeno, quello che fu concesso all’Italia, in politica estera, durante la Prima Repubblica.

Ora sta a noi, se fossimo più furbi ed accorti, cogliere la palla al balzo per perseguire l’esclusivo Interesse Nazionale.

Le guerre infatti passano e con esse anche le sanzioni, ma i danni che stiamo creando alla nostra economia, perseguendo un pervicace piano di affrancamento dalle risorse russe, sono incalcolabili ed irreparabili.

A tal riguardo è da tener presente che qualora, la Turchia, non possa lucrare su eventuali forniture di gas al blocco occidentale, si ritroverà ad avere, sul proprio territorio, un costo dell’energia immensamente competitivo favorendo così, la delocalizzazione di molte imprese europee, dal vecchio continente alla Penisola Anatolica, cosa che, tra l’altro, sta già avvenendo.

Le previsioni di recessione per il nostro Paese e per la Germania, poi, non fanno presagire nulla di buono.

Sarebbe, dunque, buona cosa abbandonare immediatamente le sanzioni e allungare il TurkStream fin sulle coste italiane, come, d’altronde, era già stato preventivato nel precedente progetto del South Stream.

Con ciò non vogliamo minimamente sostenere la dipendenza energetica dell’Italia verso una determinata potenza straniera: l’autonomia energetica, infatti, è senz’altro il principio base per uno sviluppo concreto e sostenibile di qualsiasi comunità; ma siamo altresì convinti che l’autonomia si raggiunga solo attraverso una minuziosa pianificazione accompagnata dalla realizzazione di tutta una serie di infrastrutture che, obtorto collo, necessiteranno di anni per essere, prima, progettate, poi, cauterizzate ed infine, riconsegnate alla collettività.

Nel mentre tutto ciò accadrà, ahimè, il Paese sarà già morto e questo, noi, francamente non possiamo permetterlo.

Dunque, dipende esclusivamente da noi, decidere, se questo hub turco sia la nostra pietra tombale o il punto di rilancio della nostra economia.

 

1

L’Associazione degli italiani amici della Russia esprime tutta la propria solidarietà al filosofo Alexandr Dugin per il vile attentato subito che gli ha sottratto, per sempre, l’amata figlia Darya.

Tale atto terroristico è ancor più grave di quel che sembra perché mirava all’eliminazione fisica dello stesso professore russo ritenuto uno degli ispiratori del putinismo.

In altri termini, in certi ambienti, si è iniziato a pianificare non solo l’emarginazione della cultura russa ma anche l’uccisione di coloro i quali hanno idee difformi rispetto al pensiero unico globalista.

Tutto ciò è deprecabile perché siamo nel pieno di una guerra e la comunità internazionale di tutto ha bisogno tranne che di atti terroristici che alimentino lo scontro.

È altresì deplorevole il silenzio assordante da parte di tutte le cancellerie occidentali che in altre occasioni e verso soggetti di diverso orientamento politico avrebbero certamente sollevato polveroni mediatici di dimensioni galattiche, mentre, in questo caso, ribadiamolo, sembra che le vite umane non abbiano lo stesso valore.

il Presidente

Il 12 Giugno, come ogni anno, è la Festa Nazionale della Federazione Russa.

Prima del conflitto in Ucraina e prima della Pandemia, era usanza dell'Ambasciata Russa in Italia tenere un grande ricevimento, presso Villa Abameleck, per festeggiare questa importante ricorrenza.

A tale manifestazione erano puntualmente invitati anche gli italiani: imprenditori, politici, artisti, militari, associazioni, la crem della crem del nostro Paese insomma, e ciò avveniva per fortificare e confermare l'amicizia che legava i nostri due popoli.

Oggi, grazie alla miopia politica di molti e ad una terribile tempesta "russofobica" ancora in atto, ciò non è più possibile ...

Essendo oggi, casualmente, anche la Festa della Santissima Trinità, ci affidiamo al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, acciocché vogliano illuminare le menti ed i cuori di chi detiene i destini del mondo,  affinché, a trionfare, siano la pace e la concordia e non la guerra e la divisione.

 

 

A tre mesi dal quel fatidico 24 febbraio una cosa possiamo dircela in tutta franchezza: questa guerra l’Occidente l’ha persa!

L’ha perduta nella misura in cui, gli Stati Uniti, e con essi i loro sodali, pur proclamando il prosieguo delle ostilità fino alla vittoria finale dell’Ucraina, devono registrare:

  • L’impossibilità del “Regime Change”;
  • Il fallimento totale delle sanzioni comminate alla Russia, attraverso le quali, benché siano arrivate a n°6 e in corso di “stampa” la n°7, il Cremlino non solo non è andato in default (come invece pomposamente pronosticato 2 mesi or sono dall’amministrazione Biden) ma ha visto:
    • Le proprie riserve di valuta estera (Dollari ed Euro) triplicare;
    • I Paesi NATO annaspare nella ricerca spasmodica di risorse energetiche e alimentari (granaglie) alternative a quelle russe;
  • Il Crack degli aiuti militari ed economici a Kiev che, al netto dei 40 miliardi di dollari stanziati, deve riconoscere:
    • Una lenta ma inesorabile avanzata dell’armata Rossa sul territorio ucraino che, di questo passo, ben presto si vedrà certamente precludere l’accesso al mare e quindi ai porti da dove esporta le proprie granaglie;
    • L’annientamento totale, in quel di Mariupol, dei reparti speciali ucraini, addestrati ed armati dagli occidentali;
    • La morte di più di 10 mila militari ucraini;
  • La renitenza di importanti alleati come la Turchia, la quale, non solo non ha comminato sanzioni a Mosca, ma si è resa colpevole, agli occhi di Washington, di:
    • Intavolare delle trattative per trovare una soluzione pacifica al conflitto;
    • Sbarrare la strada all’ingresso nella NATO di Svezia e Finlandia.

Di contro, Putin, ha potuto constatare:

  • Il consenso ancora, pressoché, plebiscitario nel proprio Paese;
  • La solida amicizia dei Paesi BRIC e per nostra sciagura della CINA in particolar modo;
  • La propria forte influenza in Africa e in Sud America;
  • Le divisioni reali, al di là dei proclami, all’interno dell’UE;
  • La certezza di raggiungere, tramite il tempo, tutti gli obiettivi che si era prefissato in Ucraina.

Guardando invece in casa nostra non possiamo non segnalare il fatto che i Pescatori italiani non siano usciti, per garantire il pescato fresco sulle nostre tavole, in quanto il caro carburante rende impossibile la loro attività economica e ben presto, la crisi alimentare, causata dalla scarsità delle granaglie nel Nord Africa, porterà milioni di profughi economici a riversarsi sulle coste del Bel Paese.

In un’Italia in cui, al di là delle campagne giornalistiche pro Nazione aggredita (Ucraina), la popolazione è, per la stragrande maggioranza, indifferente alle ragioni degli uni piuttosto che degli altri ed è soprattutto  stanca di questa instabilità, principalmente economica, un Ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio, dopo aver improvvidamente definito, il Capo di Stato di una grande potenza estera, qual è Putin, “peggio di un animale”, cosciente delle proprie prossime esigenze elettorali, si è affrettato a presentare all’ONU un piano inattuabile di cessate il fuoco.

Proposta irricevibile che sicuramente sarebbe stata rigettata dalle parti in causa, come è infatti è accaduto, perché:

  1. Non tiene in alcun modo conto dello stato di fatto del conflitto;
  2. Non va oltre le classiche frasi e intenzioni di circostanza.

In definitiva, a nostro modo di vedere, se l’Italia vuole iniziare a smarcarsi da questa ingombrante influenza americana, la cosa più logica che possa fare, avendo contribuito oltremodo alla causa ucraina e quindi essendosi dimostrata non equidistante dalle parte, è quella di rimettere in gioco la diplomazia vaticana ed offrire il territorio italiano per un eventuale luogo dove tenere una futura conferenza di pace.

Ciò noi l’abbiamo sostenuto fin dal primo giorno di questo conflitto e in tutto questo tempo, come associazione, nel nostro piccolo, non abbiamo mai smesso di lavorarci sopra.

Va in tal senso la nostra lettera indirizzata al Presidente Putin nell’Aprile del 2022 con la quale abbiamo paventato la possibilità di utilizzare la città abruzzese di Ortona, quale luogo dove tenere questa conferenza di pace.

La scelta su questa cittadina ha una valenza altamente simbolica, dato l’appeal che ha il tema storico/simbolico nella politica russa.

Nello specifico Ortona (CH) è considerata, dalla stragrande maggioranza degli storici contemporanei, la “Piccola Stalingrado d’Italia a causa di una delle più terribili battaglie combattute, dai Tedeschi e dagli Alleati durante la “Campagna d’Italia”, nella Seconda Guerra Mondiale. Inoltre, nella cattedrale della bella città rivierasca, sono conservate, dal 1258, le “Sacre Ossa” di San Tommaso, uno dei Dodici Apostoli di Gesù. Discepolo, quest’ultimo, molto caro ed onorato non solo dai cattolici, ma anche dagli Ortodossi, siano essi Ucraini così come Russi.

Un luogo quindi non divisivo, e che potrebbe riportare alle più miti intenzioni tutti i protagonisti.

A tal riguardo riportiamo, qui di seguito, la risposta, prima in cirillico e poi in Italiano, fattaci pervenire da Mosca per tramite dell’Ambasciata della Federazione Russa in Italia, al nostro quesito:

“Признательны за Ваше предложение. Оно будет внимательно рассмотрено. Верим, что кризисы приходят и уходят, а многовековые узы дружбы между нашими народами остаются несокрушимыми и еще обязательно принесут новые прекрасные плоды”.

Le siamo grati per la Sua proposta. Verrà valutata  attentamente. Siamo fiduciosi del fatto che i periodi di crisi vanno e vengono mentre i legami di amicizia secolare fra i nostri popoli restano incrollabile e porteranno ancora dei nuovi bellissimi frutti”.

Ci riserviamo pertanto, in questi giorni, di sollevare identico quesito al Presidente Zelensky, fiduciosi che anche il Governo Ucraino voglia darci un segnale di attenzione.

 

Oggi, mentre Papa Francesco, santamente e giustamente, consacrava la Russia e l’Ucraina al cuore immacolato di Maria, Regina della Pace, in quel di Bruxelles Mario Draghi sembra aver “perso la Trebisonda” quando, secondo me in maniera superficiale, ha dichiarato la propria solidarietà, senza se e senza ma, ai giornalisti de “La Stampa” di Torino, in quanto, è il caso di sottolinearlo secondo il Premier, in Russia, a differenza che in Italia, non vi è libertà di stampa.

Bene Signor Primo Ministro, ma, per onor di cronaca Lei dovrebbe sapere che, Sua Eccellenza Razov - Ambasciatore Plenipotenziario presso la Repubblica Italiana, con l’esposto/denuncia presentato presso la Procura della Repubblica di Roma - non sta contestando la libertà di stampa in Italia, né il diritto di esprimere dei  liberi pensieri, no davvero, ciò che l’alto diplomatico russo sta contestando è un possibile reato commesso dal giornalista de “La Stampa” il quale, in maniera più o meno inconsapevole, intitolando il proprio articolo: “Guerra Ucraina-Russia: se uccidere Putin è l’unica via d’uscita” potrebbe incorrere primariamente nell’infrazione dell’art. 414 del Codice Penale, cioè si potrebbe ravvisare il reato di istigazione a commettere delitti, e secondariamente nel aver infranto l’art. 297 del Codice Penale, in quanto Putin è un Capo di Stato Estero, e, contrariamente alla vulgata, non in guerra con l’Italia, ma solo con l’Ucraina, dunque, in questo caso si potrebbe ravvisare anche il vilipendio.

Ma questo, per l’uno e l’atro articolo, non sarà Draghi, né Razov, a stabilirlo, ma la magistratura italiana.

Infatti, se il nostro sistema democratico consente la libera espressione e altresì vero che permette anche, a chi si sente leso da talune notizie, di adire le opportune osservazioni presso gli organi preposti.

Dunque, se si sta seriamente lavorando per la pace che bisogno c’è di:

  • Dimostrare solidarietà a “La Stampa” di Torino?
  • Sottolineare che in Russia non vi sia la libertà di stampa?

Forse lor Signori non sanno che la presunta superiorità culturale e morale non ha mai portato bene e noi, di questi tempi, non possiamo di certo permetterci il procrastinarsi dei combattimenti.

<< L’Italia si è imbarcata e si sta avventurando sempre di più in una crisi che non le competeva affatto, o meglio, che avrebbe dovuto gestire in modo completamente diverso >>.

Sono queste le parole lapidarie rilasciate dal Presidente dell’Associazione degli Italiani Amici della Russia, Lorenzo Valloreja, visionando il video postato dal suo amico, Nicolai Lilin, il quale ha dimostrato questa mattina, come, al di là delle sanzioni, non sia vera la vulgata secondo la quale il costo del pane, in Russia, sia arrivato alle stelle. Anzi, sempre secondo questo documento video, scopriamo che, in una delle città più care al mondo, cioè Mosca, il pane, in realtà, nel momento in cui stiamo scrivendo, costi al chilo, per le tipologie più raffinante, circa 144 rubli, cioè 1 euro, mentre il “pane comune” solo 10 centesimi di euro al kg. Quindi molto, ma molto di meno, dei 9,8 euro al chilo registrati nella città di Ferrara giorni fa da “Il Giornale”.

Il Presidente Valloreja, poi, constatando, sempre dal suddetto video, che gli scaffali moscoviti risultano essere ricchi di ogni ben di Dio ed a prezzi accessibili ha continuato dicendo: << È normale che ciò accada. La Russia non esportando più grano ha un surplus di tale risorsa e quindi vede il crollo del prezzo del pane così come quello della benzina che, allo stato attuale, risulta essere fruibile ai cittadini russi per 35 centesimi di euro al litro. Un enormità rispetto al record riscontrato nelle stazioni di servizio sull’autostrada tra Pisa e Livorno dove si sono raggiunte quali le 3 euro al litro …  È dall’inizio dell’intervento russo che ci siamo sgolati per far capire alle istituzioni italiane di non entrare a gamba tesa in questa crisi diplomatico/militare, ma, sia il Parlamento che il Governo sembrano aver perso il lume della ragione. La nostra posizione, il nostro contributo alla risoluzione del problema, doveva essere identico a quello fatto registrare dallo Stato di Israele che, con grande lungimiranza e saggezza, è stato capace di mantenersi equidistante dalle parti in causa. Oggi il Premier Bennet sta interpretando magistralmente la parte del mediatore con tutti i vantaggi politici ed economici che ne conseguiranno per il proprio Paese nella fase post bellica. Ahimè il connubio La Pira/Mattei sembra non averci insegnato nulla. Anziché stringere un alleanza diretta con Berlino, altra grande Nazione inguaiata come noi con queste sanzioni, ci siamo appiattiti sulle posizioni francesi, unico Paese europeo che meno risentirà di tutto questo caos, ed abbiamo sposato la causa dei falchi (certamente anche a causa del Trattato del Quirinale). Qualcuno, tra le file dell’intellighenzia nostrana, ama affermare che “la libertà vale più delle bollette”, certo! Ma è fuor di dubbio che ciò è valido solo ed esclusivamente se, chi lo afferma, guadagna più dei canonici 1500 euro al mese. Diversamente, tra: rate del mutuo, rate dell’auto, libri e vestiti dei figli, luce, spese alimentari, spese mediche e spese varie, credo che certamente non riescirebbe ad arrivare alla fine del mese. Ma anche qualora fossero ricchi, ma ricchi a causa del proprio lavoro manuale e non per diritto o intelletto, non credo sarebbero d’accordo con l’atteggiamento tenuto dalla nostra classe dirigenteandate a chiederlo, ad esempio, ai tanti calzaturifici marchigiani e toscani … e vedrete qual è il reale sentore del popolo italiano rispetto a questa guerra >>.

Questa mattina il Ministero della Difesa Russo, attraverso il proprio portavoce, ha annunciato:   << In conformità con dei documenti scoperti in zona d’operazione, che gli Stati Uniti avevano pianificato di effettuare in Ucraina, nel 2022, degli esperimenti sui patogeni di uccelli, pipistrelli e rettili, riguardo la possibilità di trasmissione della “peste suina africana” e dell’”ulcera siberiana”, attraverso gli uccelli migratori tra Russia, Ucraina e Paesi confinanti >>. Come ha specificato il portavoce dell’Armata Rossa, Igor Konashenkov: << i sopraddetti documenti saranno pubblicati >>.

Una notizia, questa, che, se confermata attraverso i documenti sopracitati, sarebbe di una gravità enorme e darebbe anche un senso alla decisione, da parte del Cremlino, di non usare mai la parola “guerra” per questo intervento armato in Ucraina, sostituendola sempre con la denominazione più rassicurante di “Operazione Speciale Antiterroristica”.

Ci è stata riferita inoltre da una nostra autorevole fonte << la ferma volontà della Federazione Russa di liberare l’Ucraina dalle “bande radicali” che avrebbero voluto sfruttare queste armi biologiche in chiave antirussa >>.

<< Scopo precipuo dell’intervento russo >>, ci è stato ribadito a più riprese da parte del nostro interlocutore, << è quello di portare Kiev ad un referendum popolare per scegliere nuove istituzioni che dovranno garantire la normale ripresa della vita della gente, dell’economia di quel Paese e della convivenza sicura e pacifica con la Federazione Russa >>.

Questo è quanto abbiamo appreso, e, in questi tempi di informazioni e controinformazioni concitateci rendiamo conto che non sia facile distinguere il vero dal falso, ma siamo altresì convinti che, fortunatamente per noi, il tempo sia l’unico vero galantuomo, poiché, prima o poi, la verità trionferà.

D’altronde, in una vera democrazia, il diritto all’informazione, è senz’altro uno dei beni più preziosi da tutelare. Ci siamo sentiti dunque in dovere di comunicarlo a voi, operatori dei mass media, affinché ne facciate l’utilizzo che più ritenete opportuno.

Anche perché, proprio in virtù di quanto detto sopra, diventa ancora più evidente la nostra richiesta rivolta al nostro Paese, l’Italia, affinché abbassi i toni e lavori a testa bassa per trovare una via d’uscita diplomatica da questo conflitto.

1

 

Ed alla fine tanto tuonò che piovve!

Sono giorni, se non settimane, che chiediamo a gran voce ai nostri Governanti di mantenere un profilo politicamente neutrale riguardo l’attuale conflitto in Ucraina, ma nessuno ci ha dato ascolto … si è scelto, in altri termini, di dar corpo ad una serie di interventi fortemente autolesionistici, sia sotto l’aspetto economico che sociale.

Piaccia o non piaccia, infatti, la nostra economia è fortemente invischiata con quella russa, sia sotto l’aspetto delle nostre esportazioni, sia per ciò che concerne le materie prime che, l’Unione Sovietica prima e la Federazione Russa poi, ci hanno fornito, interrottamente, per 75 anni.

In altri termini, demonizzare oggi Mosca equivale a scavarsi una fossa sotto le proprie scarpe, senza avere la certezza, da parte degli altri nostri alleati, di avere i mezzi e le risorse, per sopperire al fatto che ci manchi letteralmente la terra sotto i piedi.

E l’Italia che fa?

Come se nulla fosse, si permette di porre sotto sequestro i beni mobili ed immobili di privati cittadini russi, ville, yacht, conti bancari, che, se pur appartenenti a uomini ricchissimi vicini al Presidente Putin, non sono nelle disponibilità dirette del leader Russo. Ergo, non si capisce dove sia la legittimità giuridica di tale provvedimenti in assenza di qualunque inchiesta giudiziaria con eventuali azioni cautelari, che, ricordiamolo, secondo il nostro “ordinamento di diritto”, sono i soli che potrebbero dar luogo a un sostanziale sequestro di beni, senza contare, poi, sull’inopportunità pubblicitaria di tale determinazione.

Infatti, la domanda che ognuno di noi si è posta immediatamente dopo tale provvedimento è stata la seguente: “Poniamo il caso che io sia un magnate Canadese, piuttosto che Australiano o Argnentino, a questo punto, comprerei mai un bene immobile nel Bel Paese? Farei attraccare il mio yacht in un porto qualsiasi della nostra penisola? Acquisterei mai un’azienda italiana?

A questo punto, la risposta che ci siamo dati, a tutte e tre i quesiti, è stata sempre la stessa: NO!

Perché?

Perché abbiamo creato un pericoloso precedente per il quale, se io - ricco imprenditore che ho accumulato una fortuna in maniera legale, quindi senza temere nulla dalla legge - acquisto un bene in Italia, correrò sempre il rischio, qualora il mio Paese sia in discussione con il Governo italiano, per una questione della quale io non sono responsabile, che quest’ultimo me lo sequestri … e tutto questo, voi lo capite molto bene, è logicamente inaccettabile. Ragion per cui, molto semplicemente, l’investitore desisterà dal proprio intento di fare affari con noi.

Ecco, il danno è servito!

Oltre a tagliare i rapporti economici con la Russia, abbiamo fatto comprendere all’universo mondo che noi non rispettiamo il diritto internazionale, complimenti! Gran bel lavoro!

Ma tutto questo lo si è fatto con la presunzione occidentale e l’illusione, di poter indurre la Russia ad un cambio di regime: sciocchi!

La narrativa che circola nel nostro Paese per la quale la Russia è diplomaticamente e internazionalmente, isolata, è falsa: la metà esatta del mondo, cioè i Paesi del BRIC, più buona parte dell’America latina, dell’Africa e dell’Asia, sono con Mosca.

Altro che piegare il Cremlino, alla fine saremo noi a sprofondare nella miseria.

A tal riguardo, facciamo due conti della serva insieme, giusto per farci un’idea:

  • Negli ultimi due mesi gli scambi commerciali tra Russia e Cina sono aumentati del 30%, cioè pari a 26 miliardi di Dollari in più;
  • Il Petrolio, oggi, è arrivato a quota 130 Dollari al barile, il gas naturale a 324 Dollari al MWh.

Soldi, questi ultimi, che andranno nelle tasche di Mosca per le vendite di questi beni ai Paesi cosiddetti non ostili.

Già, ostili, perché tale è il termine usato dal Cremlino per indicare tutti quelle Nazioni, o organizzazioni internazionali che, con le sanzioni prima e l’invio delle armi poi, hanno tentato e tentano, di fiaccare la Russia.

Ora, nell’elenco della blacklist di Putin, c’è anche l’Italia, in quanto facente parte a pieno titolo dell’UE, ma anche gli Stati Uniti, l'Ucraina, il Regno Unito, l'Australia, l'Islanda, il Canada, il Liechtenstein, Monaco, la Nuova Zelanda, la Norvegia, la Corea del Sud, San Marino, Singapore, Taiwan, il Montenegro, la Svizzera e il Giappone.

Si badi bene, non la Turchia, non Israele e nemmeno il Vaticano, tutti Paesi molto attivi in queste ore nella ricerca di una soluzione diplomatica.

E che cosa comporta, per lo meno in questi primi momenti, l’essere all’inseriti all’interno di questa lista nera?

Nello specifico, le imprese italiane creditrici dei russi, siano esse società private o enti, saranno liquidate esclusivamente in Rubli ed essendo il Rublo non più convertibile in Italia, tali creditori si ritroveranno con un pugno di mosche in mano.

A tal riguardo è molto preoccupato il Gruppo Unicredit che in Russia ha ben 72 sportelli operativi e 4000 dipendenti.

Ora, mentre noi facciamo questi conti, in Russia, Visa e Mastercard hanno bloccato le transazioni e l’esclusione dallo SWIFT permane, nonostante tutto, però, il Paese che ha la metà del nostro PIL e 1/3 del nostro PIL procapite, resiste … perché?

Perché ha un Governo ben stabile con un consenso ancora molto alto.

Decina di migliaia di russi manifestano per strada? Bene … la Federazione Russa conta più di 140 milioni di cittadini, se a manifestare fossero anche 140 mila individui essi rappresenterebbero, al massimo, lo 0,1% della popolazione totale. Dunque … la questione è molto più complessa.

Come è complessa la ragione per la quale, il Presidente Putin - che fino all’altro ieri era considerato, in Italia e non solo,  un politico freddo e cinico, si, ma non per questo pazzo ed impulsivo - oggi abbia intrapreso la via dell’intervento militare.

Di certo c’è stata da parte dell’Occidente la mancata considerazione di quanto fosse, per Mosca, strategicamente, culturalmente, economicamente, importante mantenere l’Ucraina vicino a se stessa e fuori dalla NATO e dall’UE.

Kiev, in atri termini, per il Cremlino, non è uguale a Tallinn, piuttosto che a Varsavia o Bucarest, per le quali, ad esempio, a suo tempo, pur essendoci un gentlemen's agreement, riguardo l’impossibilità per questi governi di aderire alla NATO, Putin non manifestò nessun problema.

L’Ucraina è dunque un’altra cosa.

E Kiev stessa, forse, in questi anni, ha compiuto degli errori nella gestione della proprie minoranze russofone.

In Italia, ad esempio, abbiamo avuto una situazione similare con la minoranza linguistica tedesca dell’Alto Adige: Era il 1961, per la precisione la notte tra l'11 e il 12 giugno, quando il movimento sudtirolese Bas fece esplodere 37 tralicci in Alto Adige. Quella che poteva trasformarsi in una guerra civile fu risolta attraverso la mediazione grazie alla quale l'Italia è riuscita a gestire la situazione istituendo ad esempio il bilinguismo e garantendo l'autonomia della provincia di Bolzano.

In Ucraina, invece, si è cercato di reprimere con la forza queste esigenze e nelle tensioni sorte a seguito di queste istanze, in otto anni, tra il 2014 ed il 2022, hanno perso la vita quasi 20 mila persone e alcune di queste, in modo veramente atroce, come accadde a Odessa, dove morirono bruciati vivi, nella casa dei sindacati, una 50ina di filorussi.

Insomma, la situazione è veramente delicata e complessa e non può in alcun modo giustificare le campagne talebane di questi giorni contro la cultura russa (Dostoevskij docet), né tantomeno sono scusabili le ingiurie o le minacce rivolte a privati cittadini russi colpevoli di alcunché, specie se minori, o la caccia alle streghe in atto verso, sportivi, e uomini di spicco dello spettacolo russo.

Questa non è l’Italia repubblicana, quella della Costituzione più bella del mondo, ma non è paragonabile neanche all’Italia mussoliniana, che pur essendo stata in guerra con l’allora Unione Sovietica di Stalin non arrivò mai a tanto …

Se vogliamo tornare allo spirito sincero ed originario della nostra Costituzione allora dobbiamo necessariamente  abbandonare la muta da falchi e rivestirci del ruolo naturale di mediatori che tanto lustro ci ha donato, nel mondo, in tutti questi anni.

È il mondo che ce lo chiede, perché, la pace, oggi, è il bene più prezioso a cui tutta l’umanità anela.

❓Lei è rimasto deluso dall’atteggiamento dell’Italia in questa crisi?
💬 Sono un diplomatico. Non spetta a me valutare "l’atteggiamento" del Paese in cui sono accreditato come ambasciatore. Dirò una cosa. Anche nell'attuale situazione di crisi, non vale la pena perdere di vista le prospettive. La storia non finisce con l'oggi. Le crisi vanno e vengono, ma gli interessi rimangono. Penso che sia nell'interesse comune intrattenere relazioni regolari così come sono state per decenni.
❓È sanabile la frattura tra Russia e Occidente? È veramente scesa una nuova cortina di ferro?
💬 Vediamo come è nata questa ferita. Il blocco politico-militare della #NATO, i cui documenti politici definiscono la Russia come un nemico, negli ultimi decenni in diverse ondate ha avvicinato le sue infrastrutture ai nostri confini, creando comprensibili minacce alla nostra sicurezza. Sottolineo che non siamo stati noi ad espanderci verso la NATO, ma la NATO ad espandersi verso di noi. L'affermazione che la NATO è un fattore di pace e stabilità non è convincente. Sappiamo cosa è successo in #Jugoslavia, #Iraq, #Libia, ecc. Devo sottolineare che l'espansione della NATO ha violato numerose promesse fatte dopo il crollo dell'URSS. E le sanzioni, che in una prima fase erano ancora collegate a ciò che stava accadendo in #Ucraina e dintorni, in seguito hanno totalmente perso questo riferimento e sono state portate avanti per una sinistra forma di inerzia. È stato posto l’obbiettivo di distruggere l’economia della Russia.
Anche la cortina di ferro che Lei ha menzionato è stata, come sa, abbassata dall'Occidente dopo il famoso discorso di Fulton di W. Churchill nel 1946. I russi, almeno quelli della mia generazione, hanno vissuto a lungo dietro quella cortina e hanno imparato determinate cose. Tutti gli eventi storici, compresi quelli attuali, hanno i loro precedenti, le loro cause e la loro forza propulsiva.
Siamo pronti a curare le ferite e a non consentire che la cortina di ferro cali di nuovo. Ciò che è necessario è un dialogo paritario e reciprocamente rispettoso e una reale considerazione degli interessi reciproci.
❓Qual è la vostra linea rossa ai colloqui con gli ucraini?
💬 Le trattative sono iniziate. La nostra posizione, come delineata dal Presidente Vladimir V. #Putin, è la seguente: status neutrale e non nucleare dell'Ucraina, sua smilitarizzazione e denazificazione, riconoscimento dell’appartenenza alla Russia della Crimea e sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Abbiamo ripetutamente e ragionevolmente spiegato ciascuna di queste posizioni. Siamo certamente interessati a garantire che i negoziati siano efficaci.
In questo contesto, pare scioccante che la decisione di fornire armi letali all'Ucraina, sia stata presa proprio nel momento in cui le delegazioni russa e ucraina erano sedute al tavolo del primo round di negoziati a Gomel. Di fatto quelle armi saranno usate per uccidere i militari russi, il che, sarete d'accordo, aggiunge ulteriori complicazioni alle relazioni tra stati. Inoltre, è difficile prevedere in quali mani finiranno queste armi e contro chi potranno essere utilizzate. Come sapete, decine di migliaia di armi leggere sono già state distribuite alla popolazione civile, compresi elementi criminali ucraini rilasciati dal carcere, che potrebbero svolgere un ruolo in Ucraina e in altre zone di conflitto.
❓Come giudica l’avvio dell’inchiesta della Corte dell’Aia per crimini di guerra contro la Russia?
💬 La Russia respinge categoricamente le accuse di crimini di guerra. Per inciso, né la Russia né l'Ucraina sono membri del tribunale penale internazionale dell'Aia. Richiamo l’attenzione sul fatto che negli ultimi otto anni, durante i quali nel #Donbass sono state uccise 14.000 persone, compresi i civili, nessuna delle 5.588 denunce presentate dalle organizzazioni per la difesa dei diritti umani alla Corte europea per i diritti umani è stata accolta. Il doppiopesismo e il pregiudizio sono evidenti.
Un'ultima cosa. Sono grato alla vostra agenzia per la sua disponibilità ad ascoltare e trasmettere il nostro punto di vista su ciò che sta accadendo nelle relazioni tra Russia e Occidente e intorno all'Ucraina, anche se, vista la percezione attuale puramente negativa della Russia da parte dei mass media, presumo sia improbabile che venga accolto con comprensione.