Vai al contenuto

Si è tenuta ieri sera, a Roma, nella splendida cornice di Villa Abemelek, residenza dell’Ambasciatore Plenipotenziario della Federazione Russa in Italia, la tradizionale Festa Nazionale della Russia che quest’anno si è caratterizzata per una straordinaria presenza di invitati.

In rappresentanza dello Stato, quale ospite d’onore, è intervenuta la Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, mentre per il Governo erano presenti il Ministro dell’Economia, Giovanni Tria ed il Sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano.

Valloreja con Al Bano a Villa Abameleck

Numerosi sono stati anche gli anfitrioni in virtù del loro status di parlamentari in carica, così come diversi sono stati gli intervenuti in qualità di ex delle istituzioni e tra di essi non è di sicuro passata inosservata la presenza del Presidente Emerito della Commissione Europea Romano Prodi così come si è fatta notare la presenza di Albano Carrisi, cantautore amatissimo in Russia e tutto l'est europeo.

In tale contesto, chiaramente, l’Abruzzo non poteva essere da meno ed in nostra rappresentanza, ad accorrere sul colle del Gianicolo, sono giunti il Presidente della Regione, Marco Marsilio e l’ormai abitué dell’Ambasciata, il Presidente dell’Associazione degli Italiani Amici della Russia, Lorenzo Valloreja, il quale sarebbe dovuto essere accompagnato anche dai Sindaci di Loreto Aprutino e Montesilvano, città, queste ultime, che hanno sì aderito, da tempo, alla suddetta Associazione e che con essa lavorano per incrementare i rapporti bilaterali tra le rispettive comunità e la Federazione Russa, ma essendo il Neo Sindaco di Montesilvano, Ottavio De Martinis, impegnato nella composizione della Nuova Giunta Comunale, ad accompagnare Valloreja, per questa volta, è stato solo Gabriele Starinieri con la sua gentil consorte.

Valloreja parla con il Presidente Marsilio

Sua eccellenza l’Ambasciatore, nei confronti dei propri ospiti, ha usato parole molto gentili e riguardose: << … oggi al nostro ricevimento è presente un numero senza precedenti di persone famose ed eminenti dell’Italia: politici, parlamentari, sindaci … Molti sono venuti da altre città. Tutto questo lo apprezzo molto perché lo considero come un segno di attenzione … nei confronti … del Paese che qui noi rappresentiamo>>, << la Russia >> ha continuato sempre l’alto diplomatico << celebra la sua festa Nazionale proseguendo nella realizzazione dell’ambizioso obbiettivo di costruire uno stato di diritto democratico, un’economia di mercato dinamica ed una società civile progredita. Numerosi sono i successi conseguiti in questo percorso ma ancora tanto resta da fare. I rapporti con l’Italia, nostro partner prioritario e Paese tradizionalmente amico, continuano a svilupparsi in molti settori. Stiamo lavorando intensamente, con i colleghi italiani, per preparare la visita ufficiale in Italia del Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, che si terrà nel mese di luglio >> ed è proprio su quest’ultima data che la fantasia di tutti gli astanti si è concentrata: Chissà se il Presidente Putin non possa tornare nuovamente a fare visita all’Abruzzo come già accadde in quel lontano 2009? Allora fu una visita caritatevole ed umanitaria, oggi sarebbe senza dubbio il trionfo dell’affiatamento Italo/Russo, amicizia che, come ha concluso lo stesso Ambasciatore, si baserebbe su degli interessi che sono, nel nostro caso << in gran parte coincidenti o consonanti >> giacché <<le limitazioni, oggi ci sono ma presto o tardi se ne andranno mentre gli interessi Nazionali dei nostri due Stati resteranno sempre >>.

La prima Giornata regionale dell'Amicizia italo-russa, con l'Abruzzo protagonista: è quella che Pescara ospiterà prossimamente, grazie all'iniziativa dell'Associazione degli Italiani Amici della Russia, presieduta da Lorenzo Valloreja, e che vedrà la presenza dell'Ambasciatore in Italia, Sergey Razov, al quale sarà conferita la cittadinanza onoraria di Loreto Aprutino (Pescara).

L'Associazione degli Italiani Amici della Russia propone l'Abruzzo come centro del dialogo tra Russia e Italia e vuole consegnare all'ambasciatore russo in Italia Sergej Razov il prestigioso premio "Tre Colli".

 

L'Associazione degli italiani amici della Russia a seguito dell'incidente occorso un'ora fa a Roma - presso, la scala mobile della metropolitana, "fermata  Repubblica" - dichiara tutta la propria vicinanza e solidarietà, alle 20 "vittime" di tale sinistro, siano essi cittadini italiani come russi. Speriamo che le autorità competenti possano al più presto accertare eventuali responsabilità al fine di consegnare alla legge i veri responsabili di tale increscioso accadimento.

Oggi è il compleanno del Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin ed in qualità di massimo rappresentante dell'Associazione degli Italiani Amici della Russia, mi sento in dovere di augurare al "Nuovo Zar" 1000 di questi giorni.

Spero inoltre che, in un futuro, non troppo lontano, i nostri due Paesi possano avere rapporti sempre più stringenti e collaborativi.

Perciò lunga vita e prosperità alla Russia ed all'Italia.

In questi giorni, l’ultimo libro del nostro Presidente, intitolato “AL DI LA’ DEL PREGIUDIZIO – saggio sul perché l’Italia per rinascere debba tassativamente: Uscire dall’Unione Europea; Uscire dall’Euro; Uscire dalla NATO; Allearsi alla Russia di Putin”, ha riscosso il secondo riconoscimento ufficiale. È di queste ore infatti la notizia che Domenica 30 settembre 2018 Lorenzo Valloreja dovrà recarsi a Montefiore Conca (RN) per ritirare il Premio Speciale “Logos Cultura” presso il “Teatro Malatesta”. Questo premio si unisce così al precedente conferito, a Valloreja per la suddetta opera, lo scorso 02 giugno a Poppi in quel del “Premio Casentino”. Venuto a conoscenza del lieto evento il nostro Presidente ha così commentato la notizia: << L’assegnazione di questo importante riconoscimento mi lusinga. Essa infatti conferma l’onestà intellettuale da me profusa nella redazione del testo e la conseguente percezione che il lettore ne ha. Mi rendo conto che non sia semplice, di questi tempi, per i temi trattati, per una qualsiasi giuria, assegnare un premio alla mia opera, ma la commissione del “Premio Letterario Internazionale Montefiore” è riuscita in questo dando prova di grande professionalità, coraggio e lungimiranza intellettuale. Dati i presupposti, sono convinto che se oggi siamo solo alla VIII edizione, questo concorso avrà la possibilità di valutare scrittori di talento per altre centinaia di anni. Pertanto viva la libertà di pensiero, viva Montefiore, viva la cultura! >>

ANTONIO MARTINO

La costituzione di un’organizzazione apertamente filorussa, come quella dell’Associazione degli Italiani Amici della Russiada parte del nostro Presidente, Lorenzo Vallorejacosì come la riconversione de l'Ortis  , da periodico d’informazione semplicemente associativo, a punto di riferimento principale dei sovranisti e filorussi di tutta Italia, era oramai inevitabile dati gli eventi che si sono susseguiti da un anno a questa parte. Infatti esattamente nel luglio 2017 è uscito per la prima volta il libro intitolato AL DI LA' DEL PREGIUDIZIO – saggio sul perché l’Italia per rinascere debba tassativamente: Uscire dall’Unione Europea; Uscire dall’Euro; Uscire dalla Nato; Allearsi alla Russia di Putin”. Con questo volume Valloreja è assurto agli onori delle cronache internazionali quale alfiere del putinismo e sovranista ante litteram, dato che le sue teorie erano state elaborate dallo stesso ben 3 anni prima della pubblicazione.

Lorenzo Valloreja nella Sala dell'Orologio - Villa Abameleck

Dopo aver tenuto varie presentazioni della sua ultima fatica letteraria in diverse località italiane è stato invitato, unico abruzzese, al ricevimento per la Festa Nazionale della Russia che si è tenuto, il 07 giugno scorso, presso Villa Abamelek, residenza ufficiale degli ambasciatori plenipotenziari della Federazione Russa in Italia. Da qui in poi la nostra associazione non ha fatto altro che lavorare per creare le giuste premesse affinché l’Italia abbia rapporti sempre più stretti con la Russia sia sotto il profilo culturale, che economico, che politico.Tra queste iniziative spicca senz’altro la volontà del Comune di Montesilvano di voler conferire a Sergey Razov, Ambasciatore Plenipotenziario della Federazione Russa in Italia, l’ambito "Premio Tre Colli, riconoscimento, quest’ultimo, che solitamente la Città di Montesilvano riserva a personaggi illustri appartenenti a Paesi stranieri. Tale iniziativa infatti è stata pensata e coordinata con la nostra Associazione. A tal riguardo il nostro Presidente, Lorenzo Valloreja, si è così espresso: << Dopo la missiva del Sindaco Maragno del 07 agosto - con la quale la città di Montesilvano manifesta la volontà di voler conferire il “Premio Tre Colli” all’Ambasciatore Plenipotenziario della Federazione  Russa in Italia, Sergey Razov  - non potevo esimermi dal ringraziarLo personalmente con animo commosso e festante per quanto da lui fatto e per la fattiva disponibilità manifestata verso l’organizzazione che mi onoro di presiedere. Infatti non potrò mai dimenticare di come egli abbia condiviso con me, il testo della lettera e con quale e quanta, umiltà si sia affidato ai nostri consigli.  

Sua Eccellenza l'Ambasciatore Plenipotenziario della Federazione Russa in Italia, Sergey Razov

Questa iniziativa ha senz’altro il carisma della vera integrazione. Essa infatti ha quale finalità quella di rendere ancor più partecipi, della vita della sua bella città, una minoranza, i russi, che benché rappresentino solo il 2% degli extracomunitari, negli anni ha lavorato proficuamente ed onestamente, per fare sempre più grande il nostro territorio e che oggi, con questo premio, è, essa stessa, premiata.  Noi siamo certi che il gesto della Città di Montesilvano sarà di sicuro faro per gli altri enti abruzzesi che ne seguiranno l’esempio, contribuendo così, in maniera fattiva, alla distensione, alla pace ed allo sviluppo dei nostri due popoli: quello italiano e quello russo. A tal riguardo sto lavorando con tanti altri sindaci coraggiosi e volenterosi per dar luogo alla “I Giornata Regionale dell’Amicizia Italo/Russa”. Essa consterà di una serie di eventi, culturali, economici e politici, che, nell’arco di una intera giornata, sanciranno un più stretto legame di pace e d’amicizia, tra la nostra Patria e quella russa >>

l'Addetto Stampa

ANTONIO MARTINO